O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 24 aprile 2010

Una foto, una storia -19-

ARIA DI ANTICO ORIENTE
Nel cielo di Parma spuntò, alla fine degli anni Ottanta, una struttura molto diversa da quella che i parmigiani erano abituati a vedere nel quartiere di San Benedetto. Aveva un'aspetto vagamente orientale, ricordava le antiche architetture giapponesi e cinesi. Ma che cos'era e che cosa stava succedendo? Se Gion Guti, con questa sua foto per la rubrica "Un volto, una storia", è riuscito a suscitare la vostra curiosità, non avete altro che da cliccare qui sotto....

Nessun commento: