O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 20 aprile 2010

Una foto, una storia -17-

E DAL CIELO SCESE,
LENTO LENTO, L'ASTROLAMPO
Non crediamo che tutti i parmigiani che hanno assistito almeno una volta a uno spettacolo al Teatro Regio sappiano che cos'è l'astrolampo. Eppure è un capolavoro antico e merita attenzione. Spesso si è distratti da mille cose: dall'ingresso dei musicisti nel golfo mistico, dall'eleganza delle signore, dalle interviste delle televisioni locali e... ci si dimentica dell'astrolampo. Così oggi Gion Guti, il curioso della cronaca, nella sua rubrica "Una foto, una storia" ci vuole stupire proprio facendoci vedere da vicino questo benedetto e straordinario astrolampo. Vi abbiamo sufficientemente incuriositi? Allora cliccate qui sotto....
☞☞☞ L'ASTROLAMPO

Nessun commento: