O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 9 aprile 2010

Una foto una storia -13-

A SÓN FJÉR D'ÉSOR
NASÙ IN GIÄRA
Questa volta Gion Guti, nella sua rubrica "Una foto, una storia", che sta incontrando favorevoli consensi tra i lettori di Pramzanblog, ci propone un personaggio parmigiano che purtroppo non c'è più da molti anni. Ma è stato un grande ed è ricordato nei libri di cinema, perché era un attore. Un grande attore. Uno strajè che non aveva mai dimenticato la sua città, che amava svisceratamente. Un uomo che amava a tal punto Parma da scrivere, in una cartolina ricordo regalata a Ferraguti, la frase "A són fjér d'ésor nasù in Giära". I "parmigiani d'annata" hanno sicuramente capito chi era questo grande attore. Tutti gli altri, per levarsi il dubbio, non devono fare altro che cliccare qui sotto....

Nessun commento: