O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 6 aprile 2010

Una foto, una storia -12-

LA TRATTORIA
"AL MOLINETTO"
Volete riassaporare, almeno virtualmente, per un attimo, il dolce profumo dello stracotto degli anolén 'dl'Ermina dal Molinètt? Voi che avete conosciuto l'Anna, la storica "padrona di casa" della Trattoria Al Molinetto (poi lì c'è finita una banca) volete rivedere questa storica pramzàna mentre intratteneva parmigiani e forastér con la sua ruspante simpatia? Eccovi accontentati, basta cliccare qui sotto e andare a vedere la nuova puntata della rubrica "Una foto, una storia" di Gion Guti. Ovviamente invitiamo anche i giovani parmigiani a dare un'occhiata. È una buona occasione, per loro, per scoprire come si viveva, una volta, a Parma...

1 commento:

pramzanserass ha detto...

OFUMO DI BUON BOLLITO E SANI ,APPETITOSI CAPLE'T.MI RITROVO IN BOCCA ANTICHI SAPORI MAI DIMENTICATI . BELLE LE FOTO E CARI RICORDI. MANCA QUALCHE SIMPATICA BOZZA DI LAMBRUSCO ...GRAZIE DEL BEL MOMENTO RIVISSUTO.
FABRIZIO