O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 13 aprile 2010

Quelle che il basket

LAVEZZINI BASKET PARMA,
MALE LA SECONDA
In gara 2 dei playout in trasferta a Napoli, le gialloblu, dopo un primo tempo in vantaggio di 14 punti, crollano nella ripresa e perdono 60 a 58 - La "bella" al PalaCiti sabato prossimo alle 20,30
Tutto da rifare. Le parmigiane, dopo la vittoria nei playout (65 a 54) nella partita di andata contro il Napoli Vomero, soccombono invece all'ombra del Vesuvio per 60 a 58 e sono costrette alla "bella" che si svolgerà sabato prossimo al PalaCiti. Sconfitta in un certo senso sorprendente perché maturata dopo un primo tempo praticamente impeccabile, che aveva visto il Lavezzini in vantaggio per 41 a 27. Buio pesto invece nella ripresa. Si spegne Screen e, contemporaneamente, si spegne il Parma chenon riesce a mettere a segno un canestro in più di 8 minuti. Alla fine sconfitta di misura, che porta però a gara 3. Il calvario di questo campionato continua.
(Nella foto: Jennifer Screen)

Nessun commento: