O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 13 aprile 2010

In crescita il gruppo su Facebook

SU PARMAOK LA "BATTAGLIA"
PER LA STATUA DI SICURI
Il giornale on line parmigiano ha dedicato un servizio al gruppo Facebook "Salviamo la statua del Mat Sicuri a Parma" creato da Pramzanblog
La "battaglia" a difesa della statua del Mat Sicuri comincia a far parlare la stampa locale. In meno di tre settimane il gruppo Facebook "Salviamo la statua del Mat Sicuri a Parma" creato da Pramzanblog ha già raggiunto la rispettabile quota di 442 iscritti e oggi il giornale on line "ParmaOk" gli ha dedicato un servizio. A conferma che Enzo Sicuri è ancora un nome che "tira" a Parma, perché sono molti i pramzàn che lo ricordano con affetto e lo considerano un piccolo "simbolo" della Parma minore, quella che non entra nei libri di storia ma nel cuore dei cittadini. Grazie a ParmaOk che ha scoperto per primo questa "battaglia" di chi è contrario al trasferimento della statua da piazzale della Macina al cimitero. La situazione, è vero, è "congelata", per stessa ammissione del vicesindaco Buzzi, ma molti parmigiani stanno all'erta, non vogliono "sorprese" e Pramzanblog, tramite anche l'ausilio di Facebook, fa da "portabandiera".

Nessun commento: