O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 18 aprile 2010

Il Lavezzini Basket Parma è salvo

MISSIONE COMPIUTA
In gara tre battuto sonoramente il Napoli Vomero per 87 a 66 al PalaCiti e salvezza raggiunta, al termine di un campionato molto tribolato - Grande il sostegno del pubblico
E vai! Sconfitta la paura. Sconfitto il Napoli. Salvezza conquistata, con un pubblico meraviglioso che ha assiepato il PalaCiti. Missione compiuta per le splendide ragazze del Lavezzini Basket Parma, che hanno battuto il Napoli Vomero per 87 a 66, primo tempo 41 a 30.
Gara senza storia, con le gialloblu di Mauro Procaccini decise più che mai a restare in serie A e con le napoletane quasi vittime predestinate. Tutti in piedi ad applaudire. Non è stata questa un'annata da incirniciare, certo, ma l'importante era almeno restare nell'Olimpo e nell'Olimpo le ragazze del club di Gianni Bertolazzi ci sono rimaste. Per la gloria c'è ancora tempo. Magari, perché no, l'anno prossimo!
(Nelle foto: 1) La gioia dei tifosi; 2) Chi-chi Franchini, la pramzàna)

Nessun commento: