/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 19 aprile 2010

È partito “Spéta ch’a m mètt a djéta”

CÓJJ CH’AL… DJALÈTT
Sabato sera, nella Sala Barilla della “Famìja Pramzàna” è andata in scena l’anteprima, in pratica una prova generale, del nuovo spettacolo di quei “matti della parmigianità” che l’anno scorso hanno trionfato con “Stasìra parlèmma in djalètt” - Tutto esaurito e grande successo: ottima partenza
di ACHILLE MEZZADRI

L’assassino torna spesso sul luogo del delitto, ma anche gli attori sul luogo del successo. Ed è quello che hanno fatto quei simpatici “matti della parmigianità” che l’anno scorso hanno trionfato con il gustoso spettacolo Stasìra parlèmma in djalètt in sei quartieri della città. Infatti, con la complicità entusiastica dell’assessore alla cultura Luca Sommi, quest’anno hanno deciso di fare il bis con un nuovo spettacolo, questa volta sì gustoso per il vero significato del termine, che si intitola Spéta ch’a m mètt a djéta, pièce molto divertente che sposa perfettamente la genuinità del nostro dialetto agli irripetibili sapori di casa nostra. Il programma di quest’anno, ancora sei quartieri cittadini, è da definire, ma.......
(Nelle foto /per buona parte tratte dal sito "Parmaindialetto") : 1) La locandina di Spéta ch'a m mètt a djéta; 2) Enrico Maletti con Anna Maria Dall'Argine durante lo spettacolo)

Nessun commento: