O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 15 marzo 2010

Una foto, una storia -7-

VECCHIO OMBRELLAIO
DI VIALE MENTANA...
Voi che cosa fate quando si rompe la stanghetta di un vostro ombrello? È facile immaginare cosa risponderanno molti: al butèmma via. Anche perché non è come una volta che gli ombrellai te li trovavi in ogni parte della città: bastava scendere, consegnargli l'ombrello e tornare a riprenderselo dopo un po'. Quel tempo è andato, ma la memoria no. Grazie anche a Giovanni Ferraguti, uno che ha sempre saputo "cogliere l'attimo". E questa settimana, nella rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni firma con lo pseudonimo Gion Guti, ecco appunto l'ombrellaio di viale Mentana, uscito dallo scrigno dei ricordi degli anni Sessanta.

Nessun commento: