O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 5 marzo 2010

Una foto, una storia -6-

IL PROFUMO
DELLE CALDARROSTE
Caldarroste a fine stagione, ma ancora caldarroste. Un rito antico, immutabile nel tempo. Ma fino a quando? Arriverà il tempo terribile in cui le caldarroste si potranno "ritirare" da una macchinetta? Speriamo di no. Per fortuna che fotografi come Giovanni Ferraguti hanno fissato l'attimo fuggente di una caldarrostaia del tempo che fu. Profumo di castagne, profumo di un rito antico. E questa settimana, nella rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni firma con lo pseudonimo Gion Guti, ecco appunto una caldarrostaia degli anni Sessanta.

1 commento:

Maganuco ha detto...

Oggi l'ipotetica caldarrostaia avrebbe i jeans a vita bassa, trenta piercings ed altrettanti tatuaggi come la peggior battona da porto. Ed il suo lui lo sguardo perso e la cresta altissima. Di certo non il sorriso durbans come il tipo della foto. Altri tempi. Non miei, ma migliori di quelli attuali.