O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 8 marzo 2010

Oggi è l’8 marzo

LA GIORNATA DELLA DONNA
Perché la giornata internazionale dedicata all’universo femminile cade proprio l’8 marzo? La questione è annosa e controversa ed è difficile trovare prove per avvalorare una delle tante versioni - Quello che conta è che questo anniversario sia celebrato nel rispetto dell’altra metà del cielo - Pramzanblog ricorda la festa, anche quest’anno, con poesie d’amore alla pramzàna

di ACHILLE MEZZADRI
Siamo arrivati anche quest’anno all’8 marzo, che coincide con la Giornata internazionale della donna e parto dalla convinzione che per le donne parmigiane (e non solo per loro) non sia una questione di vita o di morte sapere perché la festa viene celebrata in marzo e in particolare l’8 e non, che so, il 5 o il 22. Be’, va detto che le date delle ricorrenze raramente sono casuali e quindi anche per la Giornata della donna è stato scelto un giorno: l’8 marzo, appunto. E qui sta il punto. Perché l’8 marzo?
Ecco, qui comincia la storia di un’annosa controversia, mai definitivamente chiusa perché alimentata spesso dalla deleteria abitudine del “copia e incolla”. Una versione recita infatti che nei primi giorni del marzo del 1908 le operaie dell’industria tessile Cotton di New York scioperarono per protestare contro le terribili condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero si protrasse......

Nessun commento: