O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 20 marzo 2010

Lunedì la cerimonia ufficiale

VIVA NUCCI, IL PARMIGIANO
È ormai vicino il momento in cui il grande baritono bolognese, riceverà ufficialmente, nell'aula consiliare di Parma, la cittadinanza onoraria, proprio il giorno prima di "Simon Boccanegra", l'opera di cui sarà il protagonista - Ripercorriamo le tappe della fortunata "battaglia", che, complice anche Pramzanblog, ha portato alla realizzazione di un sogno che è durato quarant'anni

di ACHILLE MEZZADRI

La storia è lunga, ma a lieto fine. Non che sia una priorità rispetto a tanti altri problemi di Parma e del Paese, per carità (e questo lo abbiamo già detto) ma una città che si raccoglie con affetto attorno a un cantante forastér per regalargli la realizzazione di un sogno, è comunque una bella storia. E sarà bello, lunedì, nell’aula consiliare del Municipio di Parma, vedere Leo Nucci, grande baritono bolognese di levatura mondiale, con la lacrimuccia. Perché teneva molto, Nucci, a questo riconoscimento. Perché lui sapeva bene di essere più pramzàn di tanti pramzàn. Perché qui, a casa nostra, ci viene a quarant’anni, perché ha amici fraterni (Paolo Ampollini in primis), perché il Teatro Regio è la sua seconda casa, perché......
RIVEDIAMO NUCCI AL REGIO

Nessun commento: