O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 5 marzo 2010

La rubrica dei buongustai pramzàn

LA TAVOLA PARMIGIANA:
oggi... patona
Dal libro "Oggi e ieri in cucina con un'antica famiglia parmigiana", edito da PPS e firmato da Giuliana Magnani, scomparsa due anni fa, continuiamo a pubblicare alcune delle più famose ricette della nostra cucina tradizionale - In questa terza puntata ecco la "patona"
La nostra rubrica di cucina, tratta dal libro "Oggi e Ieri in cucina con un'antica famiglia parmigiana", edito da PPS e firmato da Giuliana Magnani, oltretorrentina doc scomparsa l'11 febbraio 2008, sta avendo successo perché i parmigiani amano le nostre tradizioni e in particolar modo quelle culinarie. E poi la Magnani, che fu apprezzatissimo dirigente scolastico nonché scrittrice, è uno di quei personaggi che non si dimenticano. Dopo la prime due ricette, "Riso e tridura" e "Pasta rasa", ecco oggi un'altra preparazione semplicissima, molto legata alla tradizione gastronomica della nostra terra, la "patona". Magari un po' "fuori stagione", ma la farina di castagne si trova sempre e questa leccornia pramzàna è sempre da gustare.

Nessun commento: