O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 30 marzo 2010

Il nuovo numero di "Su il sipario"

"IDOMENEO" A REGGIO
E PAGLIARI ALLA CORALE
Buon successo, ma senza il pubblico delle grandi occasioni, a Reggio Emilia per "Idomeneo" di Mozart, diretta da Mariotti - Il maestro Matteo Pagliari, direttore principale dell'Orchestra Sinfonica Nazionale del Perù, ospite dei "Salotti della Corale" - I due eventi, più l'almanacco, nella rubrica di Paolo Zoppi
Mozart è sempre Mozart e assistere a una delle sue opere è sempre assolutamente gradevole. Anche "Idomeneo" che, come dice il direttore d'orchestra Michele Mariotti "ben poco ha da invidiare ai capolavori più noti". "Idomeneo" è andato in scena al Teatro Valli di Reggio Emilia e Paolo Zoppi, nella sua rubrica "Su il sipario", racconta del suo successo, nonostante il pubblico, che ha applaudito con calore, non fosse quello delle grandi occasioni. Il secondo articolo della rubrica riguarda la terza serata dei "Salotti della Corale Verdi" organizzati dali Amici della Lirica di CariParma. L'ospite, questa volta, è stato il maestro Matteo Pagliari, talentuoso direttore d'orchestra che da oltre un anno è direttore principale dell'Orchestra Sinfonica nazionale del Perù. "Su il sipario" comprende anche, come ogni settimana, l'Almanacco, con gli anniversari di Clara Petrella, Anselmo Colzani, Nicola Martinucci e Samuel Ramey.

Nessun commento: