O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 8 marzo 2010

Il nuovo numero di "Su il sipario"

PIACE HAYDN A REGGIO
Paolo Zoppi, nella sua rubrica "Su il sipario", parla questa settimana del successo dell'opera di Haydn "La nuova Costanza" al Tetro Valli di Reggio Emilia - La rubrica comprende anche un articolo sul concerto sinfonico del ciclo "Nuove atmosfere" all'Auditorium Paganini e l'Almanacco del giorno, con il ricordo di Franco Faccio e Franco Alfano










Il Teatro Valli di Reggio Emilia, proseguendo nella strada intrapresa già diversi anni fa nella proposta di composizioni settecentesche, ha messo in scena La vera costanza di Franz Joseph Haydn. Paolo Zoppi, nella sua rubrica "Su il sipario" fa un'analisi dello spettacolo, che ha ottenuto un buon successo, grazie alla regia di Elio de Capitani e alla direzione di José Antonio Montaño, ma anche della protagonista, Federica Carnevale. Nella rubrica trovate anche un commento al concerto sinfonico all'Auditorium Paganini, inserito nel ciclo "Nuove atmosfere" e l'Almanacco del giorno con i ricordi di Franco Faccio e Franco Alfano.
(Nella foto: Gli artisti di "La vera costanza")

Nessun commento: