/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

venerdì 26 febbraio 2010

Una nuova rubrica di "Pramzanblog"

PARMA DA RISCOPRIRE
Elvis Piovani ci accompagnerà da oggi, di volta in volta, sui sentieri della nostra città che non c'è più, alla riscoperta di monumenti, chiese, palazzi, intere vie, spesso capolavori che sono stati cancellati o spostati, o divisi in più parti e spesso "nascosti" in qualche angolo della città - Cominciamo con la chiesa di Santa Maria della Scala
C'è una Parma da riscoprire? C'è una Parma dimenticata, al massimo ricordata in qualche frettolosa riga dei libri di storia locale o nei meandri di Internet? Certo che c'è. Monumenti, chiese, palazzi, intere vie. Si tratta di capolavori, spesso, che sono stati cancellati, umiliati, spostati, sminuzzati. Già in queste pagine abbiamo ricordato il Ponte Verde, e le statue del monumento a Verdi e certi borghi soppressi dell'Oltretorrente e l'annoso controverso destino di San Francesco del Prato. Come sarebbe Parma se quei pezzi di città ci fossero ancora, e con il loro antico splendore, e con il loro eterno fascino? Come sarebbe Parma se l'ex Palazzo Ducale, dopo i bombardamenti del 1944, invece di essere restaurato non fosse stato preso a picconate? Ecco, per rispondere a queste domande e per riaccendere la memoria su una Parma orgogliosa del suo passato, proprio nell'anno che celebra il 15o° anniversario della fine dei fasti ducali, Pramzanblog inaugura una nuova rubrica, "Parma da riscoprire", affidandola a un appassionato "speleologo" del passato della nostra città, Elvis Piovani. La puntata inaugurale è dedicata alla chiesa di Santa Maria della Scala, che si trovava a Porta San Michele, l'attuale Barriera Repubblica.
(Nelle foto: 1) Elvis Piovani; 2) Il logo di "Parma da riscoprire", 3) In un'antica stampa la Chiesa di S.Maria della Scala)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Proposta veramente interessante. Appena un suggerimento: se si potesse aggiungere una foto attuale per poter capire meglio la differenza con il passato.
Per chi abita a Parma o chi la conosce benissimo non fa tanta differenza,chiaro, ma per tutti gli altri aiuterebbe. Eventualmente anche un circolo in rosso per evidenziare quanto é illustrato nel "documento antico" aiuterebbe nella comprensione e visualizzazione.
Ancora complimenti

Maganuco ha detto...

Ottima idea.
Buon Lavoro Elvis.

Anonimo ha detto...

grazie mille. E grazie anche a Mezzadri che ha accolto questa rubrica. Ottimo il suggerimento che terrò ben presente per le prossime "puntate".
Elvis