O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 15 febbraio 2010

Una foto, una storia -2-

I CAPANNONI
DEL CASTELLETTO
Nella nuova rubrica di Gion Guti (pseudonimo di Giovanni Ferraguti) ricordiamo oggi i "ghetti dei poveri", dove il duce mandò ad abitare, sparpagliati nelle periferie della città, gli abitanti che aveva sfrattato dall'Oltretorrente
I capanón: un nome che aveva un valore doppio. Indicava quei "casermoni" dove il duce, dopo aver messo a soqquadro l'Oltretorrente distruggendo e rifacendo antichi borghi, aveva mandato ad abitare i suoi abitanti, sparpagliandoli nelle periferie della città. Ma definiva anche i suoi stessi abitanti. E Gion Guti (è lo pseudonimo di Giovanni Ferraguti), grande curioso della cronaca, ci presenta nella rubrica "Una foto, una storia", proprio l'immagine di uno dei "capannoni" più famosi, quello del "Castelletto", che si trovava nell'attuale via Zarotto, aggiungendovi anche una foto di un altro dei "capannoni" parmigiani, davanti al quale posarono i suoi abitanti.

Nessun commento: