/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

venerdì 26 febbraio 2010

Un gruppo di Facebook dedicato a Michelotti

QUEL MITO DI ALBERTONE
Da quasi un anno e mezzo prospera su Facebook il gruppo "Alberto Michelotti: un mito!", dedicato al grande ex arbitro oltretorrentino e collaboratore di Pramzanblog - Gli iscritti sono poco più di 300, ma l'Albertone ne meriterebbe molti di più
Son trecento e poco più. Ma dovrebbero, a nostro avviso, essere molti di più. Sono gli iscritti al gruppo di Facebook "Alberto Michelotti: un mito!", fondato quasi un anno e mezzo fa da Sandro Buttazzi. Con quale scopo? Quello di seguire le "gesta verbali" del grande Alberto che, vuoi a "Bar Sport", vuoi a "Pronto chi Parma", vuoi sulle pagine di Pramzanblog, spara a raffica esilaranti sentenze in dialetto. E gli iscritti si divertono, infatti, a ricordarle. Tipo: "Lucaréli al pära un cadavor", "Dì veh, Piovani, sta miga a contär canéli", "Reginaldo l'é gras cme un tordél", "Pavarén, cuand al vén fóra, al magna un po d'loca" ecc. ecc. Un gruppo divertente, diremmo quasi "di famiglia" (con un sacco di responsabili: Matteo Dallatomasina, Mattia Poli, Marco Molinari, Marco Motta, Matteo Caselli, Andrea Cavazzini, Eleonora Mussi, Alessandro Perinotto e Luca Adorni) dove si respira la genuinità, l'immediatezza, la straordinaria parmigianità dell'immenso Alberto. E ora Pramzanblog invita al rilancio: chi già percorre i sentieri di Facebook, si iscriva, partecipi alla "grande abbuffata parmigiana". Ovviamente assieme alle battute dialettali dell'incommensurabile Miclòt...
(Nelle foto: 1) L'homepage del gruppo "Alberto Michelotti: un mito!"; 2) Il fondatore del gruppo, Sandro Buttazzi)

Nessun commento: