O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 6 febbraio 2010

Speciale Stagione Lirica - I protagonisti

PAOLO BORDOGNA
"Pertusi mi ha detto:
hai una voce da Falstaff"
Il basso baritono ha esordito con successo al Teatro Regio nel ruolo del Signor La Rocca, in Un giorno di regno - “Il mio sogno nel cassetto è “Falstaff”: Michele mi ha consigliato di farlo e io seguo sempre i suoi preziosi consigli“ - Ecco l’intervista concessa al nostro Paolo Zoppi, dopo due recite dell’opera

di PAOLO ZOPPI

Erede dei grandi bassi baritoni buffi, dal falstaffiano Stabile fino al gigantesco Enzo Dara, attraverso i Bruscantini, Trimarchi, Corena, Desderi, Corbelli, Praticò, magistrali interpreti e custodi di quella tradizione che ci ha reso famosi nel mondo, Paolo Bordogna rappresenta oggi uno dei testimoni più accreditati e importanti del panorama buffo internazionale. Grande interprete rossiniano è ospite fisso al Rossini Opera Festival, protagonista di personaggi riportati all’antico splendore come Germano nella Scala di seta, Fabrizio nella Gazza ladra, Tobia Mill nella Cambiale di matrimonio, Monsù Traversen della Gazzetta. Lo abbiamo incontrato in attesa.......

Nessun commento: