O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 4 febbraio 2010

Speciale Stagione Lirica - I protagonisti

GUIDO LOCONSOLO
“Il pubblico di Parma
è meraviglioso"
Il giovane baritono ha esordito con successo al Teatro Regio nel ruolo del Cavalier Belfiore, in Un giorno di regno - “Ho debuttato alla Scala nel 2006 con l’Accademia giovanile, nel Barbiere di Siviglia“ – “Voglio avvicinarmi, con la dovuta prudenza, ai grandi ruoli verdiani” - Ecco l’intervista concessa al nostro Paolo Zoppi, dopo tre recite dell’opera
di PAOLO ZOPPI
"Accetto sempre la sfida con il pubblico”. Non è una guasconeria, ma una ben ponderata affermazione di Guido Loconsolo, alias il Cavalier Belfiore ovvero il finto Stanislao, il baritono protagonista nell’opera Un giorno di regno in programmazione in questi giorni al Teatro Regio. Lo abbiamo incontrato dopo le prime due recite, visibilmente soddisfatto delle sue performances. Non ancora trentenne, fisico da vero sportivo qual è, meglio non sfidarlo a duello visto che è maestro di scherma, riccioli neri corvini...
(Nella foto: Loconsolo in "Un giorno di regno" al Regio)

Nessun commento: