O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 23 febbraio 2010

La rivista annuale della celebre associazione

PARMA LIRICA:
CHE BEL NUMERO!













Come di consueto, anche quest'anno, in coincidenza con il quarantennale di fondazione, l'associazione "Parma Lirica" ha pubblicato il suo bollettino - Ventotto pagine in grande formato, tanti interessanti servizi e fotografie - Una "chicca" per gli appassionati di lirica
Paolo Ampollini, il presidente, ne è fiero. E ne ha motivo. Perché anche quest'anno "Parma Lirica", ha sfornato un numero unico niente male. Ricco di servizi, fotografie, personaggi. Una "chicca" per gli amanti della lirica e dei cantanti parmigiani, visto che anche questo numero non manca di essere una "passerella" anche per gli artisti di casa nostra, da Roberto Tagliavini a Sebastiano Rolli, da Carlo Bergonzi a Alice Quintavalla. La rivista, uscita in concomitanza del quarantennale ell'associazione culturale, regala ai suoi lettori interessanti servizi: l'acquisto ella partitura dell'"Inno di Parma" di Pizzetti da parte della Fondazione CariParma, la Camerata Ducale vent'anni dopo, l'incontro con il maestro Bruno Bartoletti, l'intervista con l'assessore alla cultura Luca Sommi, il rircordo del tenore Martinelli e tanti altri.

Nessun commento: