O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 11 febbraio 2010

I ragazzi di Parma

SOGNO UNA FAMIGLIA
La nostra Eleonora Castelmezzano prosegue il suo viaggio tra i giovani di Parma, per conoscere le loro storie e i loro sogni - La seconda intervistata è Martina, 24 anni, titolare di una lavanderia
di ELEONORA CASTELMEZZANO
Proseguiamo il nostro viaggio tra i giovani di Parma con Martina. Ha 24 anni, ed una lavanderia di proprietà da quando ha finito la scuola. “Purtroppo sono stata bocciata all’esame di maturità, frequentavo l’istituto tecnico agrario Bocchialini e la quinta ho dovuto poi farla da privatista. Studiavo e lavoravo per avere questo benedetto diploma, è stata dura, ma infine ce l’ho fatta. Ora ho la mia lavanderia, che funziona bene e mi permette di stare tranquilla economicamente. Non mi faccio nemmeno aiutare dai miei genitori.”
"Ma il tuo sogno nel cassetto qual è? C’è qualcosa che ancora vorresti realizzare?"
“Certo. Sono fidanzata da.......

Nessun commento: