O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 28 febbraio 2010

Gradita sorpresa per uno strajè

BÉVOR UN SCUDLÉN
ÄD LAMBRÙSSCH
INT AL CÉNTOR ÄD MILÀN
La parmigianità si espande anche nel cuore del capoluogo lombardo, a pochi metri dal Duomo e da San Babila: nella "Salsamenteria di Parma" il vino è servito negli scudlén e in tavola possono arrivare anolén, cicciolata, la vécia, tordéi, spalla cotta, trippa, nocino, bargnolén...









Be', in tutta sincerità, non è Cocchi. E nemmeno Parizzi, la Greppia o i Corrieri... Ma poter mangiare la trippa alla parmigiana, i tordéi, o j anolén, o addirittura la vécia, o la picaja, o lo strolghino di culatello o (udite udite) la cicciolata, nel pieno centro di Milano, in via San Pietro all'Orto 9, è per uno strajè pramzàn motivo di facile lacrimuccia. Si entra nella "Salsamenteria di Parma" e già si capisce subito che qui si respira aria di Parma. Lo si capisce dal Pepìn Verdi che ti guarda, laggiù, su una parete. Poi dai tavoli da osteria di una volta, con gli scudlén nei quali i nostri nonni, a Parma, hanno bevuto fiumi di lambrusco (e non solo). Allora uno strajè si dice: "sono tornato a casa". Ecco, questo non è il luogo per recensioni gastronomiche e non stiamo a fare i difficili sulla qualità, che comunque è già di buon livello. Ma ci sono ottimi motivi, per uno strajè, per venire qui a respirare l'aria e i profumi della nostra città: il lambrusco di quello giusto, tutti i salumi del nostro scrigno del "tesoro" (culatello di Zibello, prosciutto crudo di Langhirano, spalla di San Secondo, Coppa di Parma, cicciolata), i tortelli d'erbetta, gli anolini, la picaja, la vécia, il nocino, il bargnolino... Ma come e perché è arrivato qui questo "angolo di Parma"? Presto ne racconteremo la storia.
(Nelle foto: 1) Bere lambrusco nello scudlén /by Anna Carrera©/, 2) Gli scudlén sul tavolo; 3) E Verdi vigila...)

Nessun commento: