O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 23 gennaio 2010

Quelli che il rugby: Challenge Cup

USCITI A TESTA ALTA
La Banca Monte Rugby Parma ha concluso la sua avventura europea con la seconda vittoria, contro i romeni dei Bucuresti Oaks (16 - 9)
Gialloblu con grande orgoglio nella sesta e ultima patita della loro avventura europea di quest'anno in Amlin Challenge Cup. Contro i romeni dei Bucuresti Oaks (contro i quali avevano perso in trasferta) sono riusciti a imporsi per 16 a 9, dopo un primo tempo in svantaggio (0-6). Ha dichiarato l'allenatore Andrea Sgorlon a fine partita: "Voglio fare un plauso ai giocatori che sono riusciti a cambiare la visione della partita adattandosi alla situazione del campo, che si è presentata diversa da quella attesa.”

Nessun commento: