O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 26 gennaio 2010

Numero speciale di "Storia e Memoria"

NON VOGLIAMO DIMENTICARE
Alla vigilia del Giorno della Memoria pubblichiamo una nuova puntata della rubrica a cura di Carletto Nesti, interamente dedicata alla giornata che ricorda l'Olocausto - Il programma delle manifestazioni a Parma domani e nei giorni seguenti - Un articolo di Renzo Gattegna, presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche
Per la decima volta si celebra domani 27 gennaio il Giorno della Memoria, in coincidenza con il sessantacinquesimo anniversario dell'apertura del lager di Auschwitz. Nessuno può e vuole dimenticare, anche a Parma, quella data infausta e tutte le date delle aperture dei cancelli degli altri templi dell'orrore. I parmigiani si uniscono, tutti, allo sdegno del ricordo di una delle pagine certamente più terribili della storia dell'umanità. Pramzanblog oggi ospita più volentieri del solito la rubrica di Carletto Nesti, "Storia e Memoria - Per non dimenticare", dedicata interamente al Giorno della memoria. Comprende il programma delle celebrazioni a Parma di domani e dei prossimi giorni e un articolo di Renzo Gattegna, il presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche.

Nessun commento: