O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 25 gennaio 2010

Il nuovo numero di "Su il sipario"

IL VIAGGIO NEI TEATRI:
LA SCALA DI MILANO
Nella rubrica "Su il sipario" di questa settimana Paolo Zoppi riprende il suo viaggio tra i grandi teatri lirici con il tempio milanese della lirica - L'almanacco del giorno, con gli anniversari di Furtwängler e Bastianini

Basta la parola. La Scala è uno dei templi più celebri e amati della lirica, è la storia della musica, è il palcoscenico dove sono passati i più grandi direttori d'orchestra e i più grandi interpreti, dove sono "andate in scena" anche le più grandi rivalità, come quella tra Maria Callas e Renata Tebaldi. Insomma, un monumento della musica mondiale, con il quale il nostro Paolo Zoppi, nella puntata odierna di "Su il sipario", riprende il viaggio tra i grandi teatri lirici. Da leggere anche "L'almanacco del giorno", con (tra i vari argomenti) l'anniversario della nascita di uno dei più grandi direttori d'orchestra, Wilhelm Furtwängler.

Nessun commento: