O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 14 ottobre 2009

Telefonata di Leo Nucci a Pramzanblog

ADÉSA A SON
PRAMZÀN ÀNCA MI
Dopo aver ricevuto dal sindaco Vignali la comunicazione che il consiglio comunale ha votato all'unanimità la proposta di conferirgli la cittadinanza onoraria, il grande baritono bolognese si è ricordato della "battaglia" condotta anche da Pramzanblog e ha voluto ringraziarci - "Sì, lo ammetto, mi è venuta la lacrima sul viso" - "Stanotte ho dormito poco, ero agitato" - "Per me è un grande onore, una gioia immensa"
di ACHILLE MEZZADRI
Squilla il telefono. “Pronto, Mezzadri? Sono Nucci. Gràsja äd tutt. Adésa a son pramzàn ànca mi!”. Leo Nucci, dall’appartamento in Palazzo Dalla Rosa Prati dove alloggia con la moglie nel periodo del Festival Verdi, è felice come un bambino, ancora emozionato e frastornato dopo la telefonata di ieri sera del sindaco Pietro Vignali che l’ha trovato a cena dall’amico fraterno Paolo Ampollini, presidente di Parma Lirica. Che cosa ti ha detto il sindaco? Mi ha detto: Leo (ci diamo del tu) il consiglio comunale ha votato all’unanimità la proposta di conferirti la cittadinanza onoraria. Sono sbiancato. Per fortuna che ero seduto, altrimenti a cascäva zò....

Nessun commento: