O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 15 maggio 2009

Lo spazio dell'età verde

NASCE PRAMZANBLOG GIOVANI:
ECCO LA PRIMA "CRONISTA"
Apriamo un nuovo settore di questo sito tutto pramzàn - È lo spazio dedicato ai ragazzi: le abitudini, i luoghi, le tendenze - La prima "cronista" è Eleonora, studentessa universitaria di scienze delle comunicazioni
Si chiama Eleonora Castelmezzano, ha vent'anni, l'anno scorso ha partecipato alle selezioni per Miss Italia e ha posato anche per il calendario parmigiano 2009 dell'editore Battei (mese di aprile), ma ha un progetto ben preciso, diventare giornalista: attualmente frequenta il secondo anno di scienze delle comunicazioni. Sarà lei la prima "cronista" di un nuovo spazio di questo sito, "Pramzanblog giovani", con sottotitolo "Vietato ai maggiori". Sarà lo spazio della "parmigianità verde", dei "giovani parmigiani crescono", con le loro abitudini, i loro luoghi, le loro mode.  Un luogo di volti giovani, di discoteche e dj, di vasche e movide, di problemi grandi e piccoli. Avrà un futuro la parmigianità? E lo avrà il dialetto? E lo avrà l'orgoglio per le nostre tradizioni? Lo capiremo, di volta in volta, dai ragazzi di Parma che incontreremo nelle scuole, nelle discoteche, nelle vie della città. Le loro storie, le loro battute, i loro sogni e i loro progetti cominceranno a darci un'idea di quella che sarà la Parma di domani. Perché Parma, lo sappiamo bene, non è solo passato, tradizione, storia, Maria Luigia, Verdi e Toscanini, i Farnese e i Borbone. Parma è una città con un grande passato, sì, ma anche con un grande futuro. Ed in questo grande futuro di Parma ci saranno proprio loro, i giovani parmigiani d'oggi. Ecco perché sono ben felice di dare loro uno spazio in questo "contenitore di parmigianità". (a.m.) 

3 commenti:

Maganuco ha detto...

figlia o parente del mio amico Vito?

Eleonora Castelmezzano ha detto...

Sono sua figlia!

Maganuco ha detto...

Eleonora salve, dica a Vito che "al Lucio, dopo aver vist la so foto l'ha dìt c'le vera c'le bela bombè... E mi a son d'acordi "