O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént.


martedì 26 maggio 2009

Le interviste di Pramzanblog: Cesare Pastarini

ECCOMI BAMBINI: SONO
IL PAPÀ DELLE FAVOLE
















Da inventore di fiabe per le sue bambine a scrittore di favole per tutti i piccoli parmigiani - Il suo primo audiolibro, illustrato dalla magica penna di un altro papà doc, Fogliazza, e recitato dagli attori di Europa Teatri, uscirà il 5 giugno abbinato alla "Gazzetta di Parma" e resterà in edicola fino al 5 luglio - Il ricavato andrà all'associazione "Noi per loro"
C'era una volta un barbapapà (un papà con barbetta). Che voleva regalare delle storie alla sua primogenita Maria Vittoria. Allora prese un quadernetto a righe e cominciò a scriverle. Gli sarebbe piaciuto con penna d'oca e calamaio, ma i calamai - e ancor più le penne d'oca - non si trovavano più, allora ripiegò su una bic. Scriveva e scriveva, soprattutto di sera, a casa, tornato dal lavoro. In attesa che la sua bambina crescesse, leggeva le sue favole a Lalla, sua moglie. "Belle le tue storie, vedrai come si divertirà Maria Vittoria quando sarà in grado di capire". Allora il barbapapà continuò, la sera, a scrivere le sue storie nei quadernetti a righe, sempre più zeppi di ripensamenti, correzioni, cancellature. Era un barbapapà perfezionista. Arrivò il giorno che la sua bambina gli chiese: "Papà, mi racconti una favola?". E lui, felice, gliela raccontò, spiegandole fiero: "L'ho scritta io per te". E davanti alla piccola a bocca aperta raccontò la favola. E un'altra. E un'altra. E un'altra ancora. La moglie Lalla non voleva che lui smettesse di scrivere favole. Così, un bel giorno, anzi un bellissimo giorno, regalò a lui e al mondo un'altra tenerissima bambina, Carlotta. E il barbapapà non poteva certo smettere di scrivere favole. Così la sera, tornato dal lavoro, continuò a riempire di storie i suoi quadernetti a righe. Con la sua fedele bic. Per Maria Vittoria e per Carlotta. Fino a che, un altro giorno, Lalla gli disse: "perché non leggi le tue favole ai bambini delle scuole?". E più tardi, ancora: "Perché non le metti in un libro?". Così accadde che il barbapapà divenne amico di un altro barbapapà, molto bravo a disegnare. Non nacque un libro, ma addirittura un audiolibro. E qui, con tutti quanti  regolarmente felici e contenti, la favola finisce....
...Ma comincia la notizia, che non è una favola, bensì realtà. Il barbapapà della nostra favoletta è Cesare Pastarini, ha 42 anni compiuti il 16 marzo, è giornalista pubblicista e segretario di redazione alla "Gazzetta di Parma" e il suo audiolibro, intitolato "Il papà delle favole" sarà abbinato alla "Gazza" dal 5 giugno, per un mese, a scopo benefico. L'introito sarà devoluto infatti all'associazione "Noi per loro", che aiuta il reparto di oncologia pediatrica dell'ospedale maggiore. E l'altro "barbapapà" bravo a disegnare? È Gianluca Foglia, noto ai più come Fogliazza, grande penna satirica e gran disegnatore. Con una coppia così non poteva che nascere una "cannonata". Sentiamolo allora questo "barbapapà Cesare": di filato nella galleria degli intervistati di Pramzanblog.












Da bambino ti piacevano le favole?
Un sacco. Soprattutto i cartoni animati, per la verità, scartando quelli giapponesi. Ma anche le favole. Quelle tradizionali, I tre porcellini, Biancaneve...
Anche Hänsel e Gretel?
Be', certamente i miei genitori, mamma Bruna e papà Elio, me l'avranno raccontata, ma non ricordo la mia reazione. Certo che adesso che la posso giudicare...be', è terribile... Ma come, due genitori abbandonano i loro bambini nella foresta perché sono poveri? Ma non è possibile... Sono fuori di testa... Favola allucinante. 
Ti piaceva Cappuccetto Rosso?
Sì, molto. Ma facevo il tifo per tutti e due. Per Cappuccetto Rosso e anche per il lupo. Mi piaceva andare contro corrente. Anche quando giocavo con i soldatini. Giubbe rosse e indiani... Io facevo vincere sempre gli indiani...
Poi un giorno hai cominciato a scrivere favole per le tue bambine...
Sì, ho cominciato quando Lalla, mia moglie (ma il suo vero nome è Laura), psicologa del lavoro, era in attesa della primogenita. Da allora non ho smesso più.
Le hai lette anche alle scolaresche.
Sì, prima nella scuola dove andava Maria Vittoria, poi, nell'ambito del progetto "Lo sfogliandolo" del Comune, in varie scuole. Certe favole sono nate proprio insieme con i bambini, con le loro indicazioni. Una di queste è nell'audiolibro "Il papà delle favole" che sta per uscire.
Come si intitola questa favola?
"Musica per le mie zampe". È la storia di un ragno che vive dentro un pianoforte e che a un certo punto deve fare i conti con un giovanissimo pianista alle prime armi, che quando pigia sui tasti lo disturba enormemente. Ecco, la favola spiega come i due riusciranno a trovare... un accordo. Anche musicale".
"Le tue favole sono illustrate da Fogliazza. Come vi siete conosciuti?
Cercavo un disegnatore e mi è stato indicato lui. È molto bello lavorare con Gianluca. È nata una bella amicizia. 










"Il papà delle favole" è un audiolibro. Quindi le favole vengono narrate: da chi?
Dagli attori delle compagnie teatrali Europa Teatri, Teatro di Minosse e OHT, diretti da Loredana Scianna. E con le musiche scritte appositamente da Michele Triggiani. E la grafica di Alessia Leporati. Il progetto può andare in porto anche e soprattutto grazie all'aiuto degli Amici del mulino.
Quando uscirà?
Il 5 giugno, con la Gazzetta di Parma. E resterà in edicola fino al 5 luglio.
Quando lo presentate?
Sabato prossimo, 30 maggio, alle 16,30, nel parco Gelati, lo spazio estivo del Teatro Europa di via Oradour 14. Inutile dire che tutti i bambini di Parma sono invitati...
Achille Mezzadri
(Nelle foto, all'alto -CLICCARE PER INGRANDIRE  - : 1) Cesare Pastarini; 2) La locandina di "Il papà delle favole"; 3) Due "barbapapà": Cesare Pastarini e Fogliazza; 4) Pastarini con la moglie Lalla in Australia, con sullo sfondo il Teatro dell'Opera di Sydney; 5) La web page di "Il papà delle favole")

Nessun commento: