O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 19 maggio 2009

Le fotostorie

IN GITA CON "DON" ORSI
Giugno 1956, Sacro Monte di Varallo, foto di gruppo. Il sacerdote è don Giuseppe Orsi, il parroco di San Vitale. Intorno a lui alcuni dei suoi parrocchiani. In primo piano un bambino che sembra preso da un'altra gita, tanto è bardato: tracolla con macchina fotografica, impermeabile e addirittura valigetta. Quel bambino, lo ammetto, è il futuro inventore di "Pramzanblog". Dietro di lui la "signorina Carra", la mitica catechista. Indimenticabile quel giorno. Don Orsi era già monsignore (da tre mesi), ma tutti continuavano a chiamarlo "don" (e lui non si offendeva). Ricordo la messa alle cinque del mattino, servita dal bambino con la valigia, la corriera, i canti, le preghiere, il ritorno con tante semplici ma grandi cose da raccontare. Com'era semplice e genuina e toccante la vita dei parmigiani negli anni Cinquanta. Quando una gita al Sacro Monte di Varallo con Don Orsi era un evento. Un evento da raccontare ai parenti, agli amici, ai compagni di scuola. Ora si racconta da Santo Domingo in su...

Nessun commento: