O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 12 maggio 2009

Le belle frasi parmigiane -2-

IL DONNI ÄD PÄRMA
Ma il dialetto è morto o è vivo? - Basta parlarlo e scriverlo per rivitalizzarlo in fretta - Ecco alcune delle tante frasi e modi di dire pramzàn relativa all'altra metà del cielo (seconda puntata)
La medzén'na p'r il donni l'é un marì
In-t-'na ca a gh' sta bén do donni: vunna 'd cärna e vunna 'd cärta
Cuand la donna la gh'à il bräghi e l'omm al scosäl, la ca la va da mäl
Me mojéra la fa la foiäda par j anolén
Me mädra la tira la foiäda
Me mojéra la s'vestìssa sémp'r in chiccheri
La gh'äva adòs un vestì ch'al fäva pjetè
Mojéra béla e cativa l'é infäron doppi
La bón'na mojéra la fa al bón marì
In ca a n' gh'é päza cuand la galén'na canta e al gal al täza
La ciciära in continvasjón
Cla donna lì l'é 'na bacajón'na
L'é un miracol s'a n' secca miga la lénngua
L'è curióza cme 'n gat: la sta a zlumär dardè ala grillia 'dla parsjana
Me mojéra l'é gelóza märsa
L'é 'na gran bozjädra: l'é sincéra cme l'acua äd pantàn
L'é 'na bräva fjolén'na
L'à tót da so mädra
Me soréla l'é 'na gran ciciarón'na
Al gh'à tri fjóli femmni
La rezdóra la fa la fojäda
La rezdóra la prepära al diznär
(ISTRUZIONI PER L'USO Queste frasi sono tratte dal mirabile "Dizionario Italiano - parmigiano" di Guglielmo Capacchi - Artegrafica Silva, 1992 Il disegno di Giuseppe Monica è tratto dal libro "C'era una volta Parma", edito dalla Corale Verdi Per chiarimenti potete fare domande nei commenti o scrivere a Pramzanblog Per approfondimenti sul dialetto basta "sintonizzarsi" su Parmaindialetto, di Enrico Maletti, al prìncip dal djalètt)

5 commenti:

e.piovani ha detto...

Bellissime frasi, il dialetto ha sempre da insegnarci tanti bei modi di dire sfortunatamente scomparsi. Magari si potrebbe aggiungere una traduzione in italiano... Ad esempio io purtroppo alcune frasi non le capisco...

Pramzan45 ha detto...

Io sono sono sempre stato dell'idea che il dialetto senza traduzione possa stimolare di più il bisogno di approfondimento. Chiedere ad amici che conoscono il vernacolo, provare a ricordare qualche vocabolo, magari insegnarlo a un figlio, dotarsi di un vocabolario. È per questo che su Pramzanblog non metto volutamente traduzioni. Però nelle "Istruzioni per l'uso" ho invitato a fare domande, a chiedere qualche spiegazione. Per un esercizio costante c'è poi sempre "Parmaindialetto", che invece fornisce le traduzioni. Grazie della solita attenzione.

Maganuco ha detto...

Poche frasi applicabili ai giorni nostri.
Le donne hanno tutte i pantaloni e purtroppo spesso a vita bassa (anche quando non possono permetterselo fisicamente perchè sono dei rottami).
Che vomìt...

e.piovani ha detto...

Capisco, è un punto di vista condivisibile, e spero che funzioni.

I giovani aihmè stanno perdendo l'uso del dialetto, e nel giro di qualche decennio temo che lo sentiremo solo su qualche dvd, come reperto e curiosità storica.

Se quelli della mia età (30 anni) bene o male lo capiscono (ma in genere non lo parlano, anche perchè ormai gli ambiti in cui lo puoi fare sono molto limitati essendo i parmigiani una minoranza anche a Parma) per i bambini delle attuali elementari, il dialetto è una lingua del tutto sconosciuta. In certe classi è già una forzature l'uso dell'italiano...

E piu' si va avanti, meno ovviamente si ha la possibilità di parlarlo, e dunque anche la "necessità" di conoscerlo, cisì come l'opportunità di ascoltarlo per le strade.
La gente che lo parla, lentamente è sempre meno numerosa, ed ovviamente le nuove generazioni che già lo stanno perdendo, non saranno in grado di insegnarlo a loro volta...

Maganuco ha detto...

Io lo parlo correntemente con il mio enturage calcistico. Non so se faccio bene o male, ma accompagnandolo ad una buona bottiglia diventa anche più facile.
Se si vuol aggregare sabato sera verso cena festeggeremo un sacco di eventi...
Fine ns campionato, fine ns gestione in squadra, probabile fine calvario nei cadetti per qualcuno e probabile diciassettesimo onesto scud.....