O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 9 maggio 2009

Cór crozè: l'opinione di Alberto Michelotti


A GH'L'ÈMMA FATA
A TORNÈMMA IN A
PARMA - PISA 2-0 A gh'l'èmma fata. La serie A è riconquistata, dopo un solo anno di purgatorio. Un'impresa già riuscita al Chievo. Sì, manca un punto, per la precisione, ma ci sono ancora tre partite, impossibile immaginare che non arrivi. A son pròprja contént. 
Com'è andata, in generale, questa partita?
La vittoria ci voleva, ed è arrivata. Meritata. Ma lór j éron proprja balórd. I livornesi dicono ch'l'è pés un pisàn a la pòrta che un mòrt in ca... Ma non ci hanno fatto paura. A èmma pasè j Apenén, adèsa andèmma in dizésa finna a 'l mär. Che felicità.
Che cosa puoi dire del primo tempo?
Un primo tempo indegno, assolutamente. La paräva 'na partìda dal campètt 'd via Zaròtt: Castlètt cóntra l'Audace... E lor, i pisàn, a parävon di pomm còt. Primo tempo scialbo, scialbissimo.
E nel secondo?
Meglio, anche perché sono arrivati i gol. Quello di Cristiano Lucarelli al 25' e quello su punizione, bellissimo, di Leon, al 36'. Pubblico in delirio, giornata di festa. In questo fine settimana mi a j'ò godù do vòlti: ieri sera per la sconfitta del Livorno e oggi per il trionfo dei crociati.
Come giudichi la partita di Pavarini?
È stato impegnato solo due o tre volte. Niente da dire, se non che, incó in-t-i guànt second mi a 'l gh'äva dil savonètti... Mi a gridäva: "strica la bàla, strica la bàla, a pjóva miga incó.
Un giudizio sulla difesa?
Ben scarsini oggi quelli della difesa. Hanno svolto modestamente il loro compitino, forse erano tesi per via dell'importanza del risultato, del traguardo della A così vicino... Comunque Troest a'l m'è piazù. Paci, oggi era il suo compleanno, al paräva ch'al gh'avìss il psìghi in-t-i pè. Comunque senza infamia e senza lode. 
E il centrocampo?
Il solito can lupén, Morrone, che ha fatto la sua solita partita generosa. Budel l'à fat, cmé al solit, pèt cmé 'na ciocaróla.
Un parere sull'attacco.
Leon, al caraco, l'à cambiè pednadùra: incó l'éra plè cmé 'n znòc'. Mo l'è stè bräv bombén. E per il gol, straordinario, e per il resto. Egregio. Lucaréli grand - Filippo, invéci, al paräva un stocfìss. Sul suo gol è stato Leon a fargli il passagio decisivo. Tipo: "to' su, fa gòll". Mo lu a'l s'intartajäva...
Il migliore del Parma?
Il caraco, senza dubbio.
E il peggiore?
Tutti e nessuno, Oggi abbiamo praticamente riconquistato la serie A, non è giusto dare pagelle negative.
Un voto a Guidolin
Gli do un voto buono per tutto il campionato che ha fatto fare al Parma. È un vero condottiero. Ha dato ai crociati una mentalità non perdente. Ha fatto insomma qualcosa di veramente straordinario.
Pramzan45
I STRANÒMM CROZÈ ÄD MICLÒT:
PAVARINI: Nembo Kid
PACI: Psìghi in-t-i pè
TROEST: Cavàl äd Ginginélo
LUCARELLI A.: Cionci cianci che tu t'inciampi
ZENONI: Do pè äd bùla
MORRONE: Càn da bòca
MARIGA: Latte e miele
BUDEL: Bìssa scudlära
CASTELLINI: Don Lurio
LEON: Al caràco
VANTAGGIATO: Svantaggiato
PALOSCHI: Al putén
LUNARDINI: Al ragionér
PEGOLO: Al pargolo
FALCONE: 'Na volta
ANTONELLI: Bresaola della Valtellina
REGINALDO: Cimba
LUCARELLI C. : Dromedäri, o Filippo Corridoni
GUIDOLIN: Lacrima sul viso

Nessun commento: