O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 4 maggio 2009

Il più anziano tifoso del Parma

DA 81 ANNI IL MIO CUORE
BATTE PER I CROCIATI

"Ho cominciato a seguire le partite del Parma nel 1928, quando avevo 13 anni", dice Enrico Frambati, che compirà 94 anni a settembre - "A gh'éra soltànt al prè, 'na rèjj 'd metàl e 'na tribunètta 'd bón marché" - "Al crozè pu bón par mi l'è stè, Coccón al fornär"

Ho un sogno: che il giorno in cui ci saranno i festeggiamenti ufficiali, magari in piazza Garibaldi, per il ritorno del Parma in serie A, tra gli ospiti d'onore, i notabili della città, i dirigenti sportivi, i campioni di ieri e di oggi, e gli sponsor, ci sia anche un omino piccino che ho conosciuto pochi giorni fa. Si chiama Enrico Frambati e il 23 settembre compirà 94 anni. È tifoso del Parma dal 1928, quando aveva 13 anni. Ottantuno anni di tifo. Ancora adesso va al Tardini per sostenere i crociati. Con passo svelto, come un giovanotto. Con la baldanza dell'ex bambino che nel '22 (aveva 7 anni) aiutava i grandi a fare le barricate d'Oltretorrente, per fermare i fascisti di Balbo. Con il cuore del vero pramzàn dedlà da l'àcua che si esprime soprattutto in dialetto e al quale brillano gli occhi quando può abbracciare un mito oltretorrentino come l'Albertone Michelotti. 
Che cosa ricorda della sua infanzia?
Il baricädi dal vintidù. Avevo sette anni. Io e gli altri bambini aiutavamo i grandi a fare le barricate. A catäva su i sàs con j ätor putén. A m'arcord che al duce a 'l s'à butè zò i ca. Ha fatto piazza pulita per dividerci, con quel modo lì voleva eliminare la resistenza al fascismo.
Fu una cosa improvvisa?
No. Eravamo preparati. I fascisti cominciarono a butär zò il pòrti dil ca. Ma loro non li facevamo entrare nelle nostre case. Piuttosto entravano... il pònghi. Comunque i fascisti nel loro intento ci sono riusciti, in parte... Hanno rifatto tutto l'Oltretorrente. Ci hanno... strajè un po chì un po là... al Crìsst, al Castlètt, al Cornòcc', a la Navètta...
Quando cominciò ad andare a vedere le partite del Parma?
Nel 1928. A gh'andäva con me pädor. Ma anche da solo. E siccome a gh'äva gnànca un bòrr, a scavalcäva i mùr. J éron pu il vòllti ch'a scavalcäva ch'a pagäva.
Ricorda qualche nome dei crociati di allora?
Pesci, Mattioli, Filipponi, Cresci, Mazzoni, Gobbi, Quaglietti, Pianzola, Arcari... a vàgh avànti?
Com'era lo stadio?
A gh'éra soltànt al prè, 'na rèjj 'd metàl e 'na tribunètta 'd bón marchè. A 'l se ciamäva zamò Tardini. Dopa j àn comincè a fär su il primmi ca.
Ha sempre scavalcato i muri per andare a vedere i crociati?
No. A gh'éra un me cusén ch'a 'l s'éra abonè e alòra l'enträva con la tésra. Po la butäva fóra a mi. E mi enträva con la so tésra... 
Adesso lei ha 93 anni, quasi 94. Come entra al Tardini?
Con una tessera d'abbonato tutta mia. Ho fatto l'abbonamento tre anni fa. Vado in quella che una volta si chiamava la "gradinata", di fronte alla tribuna centrale. E faccio parte del Parma Club "La bella età",  formato da vcètt. Al pu véc' son mi. Al pu giòvvon a 'l gh'avrà 60 àni.
In ottantuno anni di tifo, quale è stato il crociato che le è restato nel cuore?
L'è stè Coccón al fornär. A 'l lotäva sémpor, l'éra bräv bombén.
Lei ha visto giocare Aldo Curti, che poi diventò giornalista e vicedirettore della Gazzetta di Parma. Com'era come calciatore?
L'éra bräv ànca lu. Sicùr, elegànt...
E tra Vycpalek e Korostolev chi preferiva?
Vycpalek era più potente, più irruento. Io preferivo Korostolev, più tecnico.
E dell'era del grande Parma in serie A?
Brolin, sénsa dùbbi.
E l'allenatore che ha amato di più?
Scala. Secónd mi l'è stè al pu bräv.
È giusto secondo lei che lo stadio Tardini traslochi?
No. Deve restare lì.
Il Parma deve giocare con la maglia crociata o gialloblu?
Crozäda, par caritè...
Ce la fa a risalire subito in serie A?
Äd sicùr, se a'n se fa mìga al sgambètt da lu... (a.m.)
(Nelle foto, dall'alto - CLICCARE PER INGRANDIRE - : 1) Enrico Frambati; 2) Mimando un uppercut; 3) Seduto davanti al Battistero; 4) Due oltretorrentini doc: Alberto Michelotti ed Enrico Frambati)

1 commento:

LK ha detto...

Non avrei mai pensato che ci fosse ancora qualcuno che si potesse ricordare dei primi calciatori del Parma, uno di questi, Quaglietti, morto giovanissimo, era il fratello di mia nonna. Se mio padre (suo nipote) fosse ancora vivo ne sarebbe stato felice.
Saluti.
Luca Croce