O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 4 aprile 2009

Qui Rugby Parma: oggi è andata così

OVERMACH 33
VENEZIA 12
Per la terza giornata del girone di rtorno del Super 10, l'Overmach Rugby Parma è riuscito a imporsi contro il Casinò Venezia, la stessa avversaria che aveva incontrato e battuto a Rovigo il 22 marzo nella finalissima della Coppa Italia. Questa volta i gialloblu di Cavinato e Bot hanno vinto per 33 a 12, con tre mete (di Emerick e Pelu nel primo tempo e di Quartaroli nel secondo). Ora la classifica generale vede in testa Viadana e Treviso con 43 punti. Il Parma, terzo, è a quota 41.
Ecco il consueto commento del presidente dell'Overmach, Marcello Bersellini.
IL COMMENTO A CALDO DI BERSELLINI
"Oggi non c'è stata partita. Li abbiamo dominati su tutti i fronti. I veneziani, che ci avevano fatto soffrire nella finale di Coppa Italia, oggi erano assolutamente inferiori. Loro a un certo punto, fingendo di avere i piloni inutilizzabili, ci hanno costretto a mischie "no contest". Si sono beccati dei carretti incredibili... Insomma, tutto facile per noi. Tre belle mete, Emerick, Pelu e Quartaroli. Peccato che non sia arrivata la quarta. Sarebbe stata meritatissima e ci avrebbe regalto il bonus. Adesso saremmo a un punto e non a due, dalla testa della classifica. Nonostante l'arbitraggio, che secondo me ci ha penalizzato non poco. Basti dire che abbikamo finito la partita con due espulsioni temporanee. L'abbiamo conclusa con tredici uomini in campo contro i loro quindici. E nonostante tutto la nostra terza merta, quella di Quartaroli, è arrivata proprio verso la fine... Adesso ci aspetta un trittico difficilissimo: due partite esterne, con il Viadana e il Rovigo e poi una casalinga con il Benetton. E lì vedremo di che pasta siamo fatti".

Nessun commento: