O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 25 aprile 2009

Grande folla alle celebrazioni

PARMA NON DIMENTICA
Una bella giornata di sole ha fatto da cornice alla Festa della Liberazione

I parmigiani non dimenticano il 25 aprile 1945, il giorno della fine della guerra. Anche quest'anno grande partecipazione di folla al corteo, con punto d'arrivo in piazza Garibaldi. Festa di popolo durante il giorno e grande concerto con Vinicio Capossela alla sera. Anche "Pramzanblog" ha voluto essere presente, a suo modo, nella giornata della Liberazione. Ecco tre belle foto di Enrico Ghirarduzzi ©: 1) la folla in via D'Azeglio, davanti alla Chiesa dell'Annunziata, mentre segue il corteo in direzione di piazza Garibaldi. 2) Un altro momento del corteo in via D'Azeglio; 3) Un bel pastore tedesco con la coccarda tricolore: tedesco sì, ma sta dalla parte dei... liberatori e dei liberati.

Nessun commento: