Canzone natalizia del dicembre 2011 dedicata a tutti i parmigiani. Testo e musica di Achille Mezzadri, arrangiamento di Roberto Barrali, Coro delle Voci Bianche della Corale Verdi diretto da Beniamina Carretta. Produzione dell'allora (poi defunto) "Superblog pramzàn" (Pramzanblog di Achille Mezzadri, Parmaindialetto di Enrico Maletti e Stadiotardini.com di Gabriele Majo). Con: Vittorio Adorni, Luciano Armani, Monica Bertini, Mauro Biondini, Alberta Brianti, Robi Bonardi, Paolo Bucci, Giancarlo Ceci, Carlo Chiesa, Claudia Corbani, Zaira Dalla Rosa Prati, Tonino Fereoli, Armando Gabba, Gino e Dino, Gabriele Majo, Enrico Maletti, Corrado Marvasi, Achille Mezzadri, Alberto Michelotti, Edda Ollari, Maria Francesca Piedimonte, Victor Poletti, Francesca Strozzi, Paola Sanguinetti, Lorenzo Sartorio, Maurizio Trapelli (Al Dsèvod, secondo la grafia della Famìja Pramzàna), Daniele Villani, Paolo Zoppi. Riprese di Steve Mezzadri e Pietro Maletti. Montaggio di Steve Mezzadri. Sigle di Pietro Maletti. Realizzazione del video nella Sala Gandolfi della Corale Verdi.

O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 21 aprile 2009

Cór crozè: l'opinione di Alberto Michelotti

A SÈMMA I PU FÒRT DAL MÓND
PARMA - ASCOLI 2-0 L'è städa 'na godùrja vèddor Paloschi e cla scuädra chì. Stasìra l'è andäda pròprja bén. A sèmma i pu fòrt dal mónd e chi resta indrè ch'al sära su l'uss.
Com'è andata, in generale, questa partita?
Bene. Bene. Il Parma non ha fatto miracoli, però ha dimostrato di essere una squadra matura, sicura di sé. Avevamo contro l'Ascoli, che nel girone di ritorno aveva fatto un punto di più di noi, quindi era un avversario temibilissimo, al pónt che Guidolin l'à miss in càmp praticamént nóv difensór, ma il Parma ha saputo affrontare la gara nel modo giusto. Vincere si doveva e vinto abbiamo. Mej ch'acsì...
Che cosa puoi dire del primo tempo?
Nei primi minuti, considerato l'avversario, il Parma ha dimostrato un po' di timore reverenziale. Poi ha preso in mano la partita e per l'Ascoli non c'è stato più niente da fare. E Morrone l'à fat un gran bél gòll, su sugerimént 'd Don Lurio - Castlén. 'Na maravìja. Da allora in poi il Parma non ha più fatto giocare l'Ascoli. Ha spento sul nascere ogni sua velleità. Eh, ma come parlo forbito oggi. A 's vèdda ch 'l'è la contintèssa par cla vitòrja chì.
E nel secondo?
Meglio ancora che nel primo. 'Na godùria dabón. E po al putén... uno spettacolo nello spettacolo. L'è bräv, simpàtich, educhè. L'è dvintè l'ìddol dal Tardini.
Pavarini?
Incó a l'ò ciamè Nembo Kid. Al paräva tutt, a 'l riväva dapartùtt. Grande portiere.
Un giudizio sulla difesa?
Bene. bene. Tutti bravi. Anche se io credo che ormai il leader di quel reparto lì sia Alessandro Lucarelli. Peccato che stasera si sia fatto ammonire. Un pensiero positivo anche per Don Lurio - Castlén. Prìmma al tiräva vìa la bàla a cäz, adésa al ciàpa la mìra méj. Ed è stato proprio suo il lancio a Morrone per il primo gol.
E il centrocampo?
Il solito Morrone. Ma stasera più che altro erano tutti difensori. Hanno fatto i difensori anche Morrone e Mariga, in un certo senso.
Un parere sull'attacco.
Inimitabile al putén. L'à fat divartìr tutti. L'è tri vòlti bräv.
Il migliore del Parma?
E chi se non Paloschi? Comunque, come ho già detto, stasìra a 'l m'è pjäzù bombén ànca Lucaréli picén.
E il peggiore?
Nessun peggiore. Stasìra èmma magnè un brodén con manz e polàstor. A 'n gh'éra mìga vintràj. Traduco per i colti che non sanno il dialetto: in questo buon brodino non c'erano frattaglie.
Un voto a Guidolin.
Un bel sette, meritato. Dicono che me la prendo sempre con lui, che lo chiamo "Lacrima sul viso" perché non ride mai... Bé, ribadisco che non mi piace quando è così nervoso, quando si fa espellere... Ch'a gh dàga un tàj. Però, qui lo dico e lo confermo: è un grande stratega. Ogni partita la interpreta nel modo giusto. Sette più che meritato.
Pramzan45
MICHELOTTI VISTO DA FORNACIARI
Alberto Michelotti interpretato dal grande fotografo parmigiano Edoardo Fornaciari /CLICCARE PER INGRANDIRE/ © Copyright / VIETATA LA RIPRODUZIONE SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELL'AUTORE)

Nessun commento: