O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 30 marzo 2009

Cartolén'ni pramzàni -5-



L'ANGIOLÉN
PU BÉL DAL MÓND...
Proseguiamo la serie delle  "cartolén'ni pramzàni" con questa bella interpretazione dell'Angiolén dal Dòm di uno dei più assidui lettori di Pramzanblog, Maganuco ©. Tutti i lettori di Pramzanblog possono inviare una fotografia della "loro" Parma, allegando possibilmente una breve frase in dialetto, non necessariamente legata alla foto. Pramzanblog provvederà poi all'impaginazione. Tutte le cartoline possono essere scaricate e inviate, senza modifiche, agli amici.
(CLICCARE SULLA FOTO PER INGRANDIRLA)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Bravissimo Maganuco, la tua cartolina mi e' piaciuta molto!
Enrico Ghirarduzzi

e.piovani ha detto...

Condivido appieno. E' sempre bello pensare che il nostro angelo veglia sulla nostra città da secoli, e prima di noi ha vegliato sui nostri nonni, trisnonni etc, come spettatore di tutto quello che è successo a Parma.
Pensate quante cose ha potuto vedere (lui e l'originale in duomo). Dalle guerre medievali, alla congiura dei nobili al tempo di Ranuccio, al crollo della torre civica del 1606, al passaggio di Napoleone, l'annessione all'Italia, le guerre mondiali con i loro bombardameni... E lui è sempre stato la........

Maganuco ha detto...

Grazie a voi tutti .
Abbiamo ancora tanto da fare.
La mia prossima sarà primaverile in una bella giornata di sole. Ce l'ho già in mente.
Piazzale della Pace con tutti gli albanesi e romeni stravaccati a bivaccare,bere, fumare ed a raccontarsela mentre Maganuco pensa ai soldie che Elvio gli ha spillato dai suoi sudori con la promessa di un giardino incalpestabile degno delle migliori capitali europee.

Solita buffonata all'italiana.