O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 8 febbraio 2009

Se a Parma ci fosse il mare... -5-

VITTORIA SULL'ACQUA
Quinta cartolina della serie inventata dal cartolaio Pietro Bocchialini negli anni '30

Motoscafi e gondole in viale Toschi, con il Grand Canäl che scorre parallelo al torrente. Sullo sfondo la stazione, a sinistra il monumento alla Vittoria del 1918. Viene da immaginare il solenne corteo di barche che arriva qui, il 4 novembre, per la celebrazione della vittoria contro gli austriaci nella prima guerra mondiale. Il cartolaio Pietro Bocchialini, che aveva il suo negozio in via Cavour, immaginò questa e le altre cartoline della serie dopo un viaggio con moglie e figli a Venezia. La serie "Se a Parma ci fosse il mare..." ebbe uno straordinario successo, fu ristampata più volte e ancora adesso i collezionisti riescono a trovare alcune di queste cartoline nei mercatini specializzati.

Nessun commento: