O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 5 febbraio 2009

Se a Parma ci fosse il mare... -3-

GONDOLE PER BOTTEGO
La terza cartolina delle serie inventata dal cartolaio Pietro Bocchialini negli anni '30
Vittorio Bottego (1860 - 1897), parmigiano, grande esploratore, ebbe dimestichezza con deserti e fiumi africani, non possiamo sapere come si sarebbe trovato in Laguna. Ma la fervida immaginazione del cartolaio Pietro Bocchialini ce lo mise, per inserirlo nelle celebri cartoline degli anni Trenta. Qui vediamo come risulterebbe il monumento a Bottego, con la sua piccola peschiera in piazzale Dalla Chiesa, ex piazzale della Stazione, come sarebbe... se a Parma ci fosse il mare. Come a Venezia, alla Stazione Santa Lucia, anche nella nostra città i viaggiatori sarebbero accolti da un'atmosfera magica, con le gondole ad aspettarli. E chissà che cosa andrebbe a scoprire l'esploratore Bottego in gondola per le vie della città...

1 commento:

Maganuco ha detto...

Qui una bella allagatina ci starebbe bene...