O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 4 febbraio 2009

Se a Parma ci fosse il mare... -2-

VIA CAVOUR: CHE "VASCA"!
La seconda cartolina della fortunata serie inventata negli anni Trenta dal cartolaio Pietro Bocchialini
Ecco come sarebbe via Cavour se a Parma ci fosse il mare, in ossequio alla fervida immaginazione di Pietro Bocchialini, il cartolaio di via Cavour che negli anni Trenta, dopo un viaggio a Venezia, produsse una serie di cartoline con la città in veste "lagunare". Qui vediamo l'ex via Santa Lucia all'incrocio con via al Duomo e via Pisacane, sulla sfondo la Torre di San Paolo. Sul marciapiede di sinistra, come oggi, c'è un caffè, ma i tavolini sono pericolosamente in bilico sulla sponda del canale, dove i gondolieri attendono i passeggeri. Sognare una Parma così: che male c'è?

3 commenti:

Maganuco ha detto...

"Sul marciapiede di sinistra, come oggi, c'è un caffè DOVE VA SPESSO MAGANUCO ALLA DOMENICA PRIMA DI ANDARE A MESSA , ma i tavolini sono pericolosamente in bilico sulla sponda del canale, E PRIMA ANCORA C'E' UN LAMPIONE CON L'ADESIVO DELL'US ASTRA CHE DEVE ATTENDERE IL 67ESIMO COMPLEANNO (TONDO TONDO).... ".

Bella la foto, ma una città lagunare è bella solo in cartolina. Parma è bella così com'è...

e.piovani ha detto...

solamente a titolo di curiosità, il bar dove va Maganuco è stato il primo ad avere l'illuminazione elettrica in città, prodotta all'interno delle chiesa sconsacrata di San Ludovico...

Maganuco ha detto...

Ottima segnalazione. Grazie