O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 3 febbraio 2009

Fu una delle anime del cór pramzàn

PEDRANESCHI, MI SCUSI
Ieri, 2 febbraio, oltre ai trent'anni di Gloria Bellicchi e al ricordo del cardinal Ferrari, c'era un altro anniversario che può interessare i parmigiani: 100 anni dalla nascita di Bruno Pedraneschi, una figura che ha lasciato il segno nella nostra piccola storia della parmigianità. Per fortuna che ci ha pensato un altro sito tutto pramzàn, Parma in dialetto, condotto dal djavlètt dal djalètt, Enrico Maletti. Malètt, infatti, nel suo blog, propone un sentito ricordo di Bruno, scomparso il 2 aprile 1981. Un ricordo bilingue perché, com'è peculiarità massima di Parma in dialetto, ogni intervento è scritto in parmigiano e in italiano. Pedraneschi è una figura che merita di essere ricordata. Perché giocò nel Parma, di cui fu anche dirigente, perché nel suo lungo periodo di strajè in Somalia tenne alto il nome della sua città, perché è il padre di uno dei più amati presidenti dei crociati, Giorgio Pedraneschi, perché le sue gustose poesie in vernacolo (tra le quali la popolare "La maja crozäda") sono state raccolte in un volume, "La vrìss ésor poezìa", pubblicato da Azzali nel 1981, dopo essere state "tradotte in dialetto perfetto" dal "professor" Maletti.

Nessun commento: