O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 22 febbraio 2009

Cór crozè: l'opinione di Alberto Michelotti

BENE I TRE PUNTI,
MALE IL GIOCO
PARMA - BRESCIA 1 - 0: Al Brèssa l'à miga meritè äd pèrdor. I tre punti sono benedetti, ma il Parma è stato inferiore, ha sofferto troppo. Disordinato, confusionario. Abbiamo avuto paura. Il Brescia è stato decisamente più squadra di noi.
Alberto, com'è andata oggi, in generale?
È il bello del calcio, con la sua imponderabilità: ha vinto la squadra che meritava di perdere. Se rigiochiamo questa partita con il Brescia dieci volte la perdiamo nove volte. Stasìra a sèmma stè tot in méza 'cme 'n giovedì par tutta la partìda.
Nel primo tempo?
In-t i primm vint minùd èmma fat 'na gran fadìga. Loro hanno avuto tre occasionissime al quinto, al decimo e al diciassettesimo. Eravamo insicuri, morti. Loro invece hanno preso in mano il gioco. Po la mùzica l'è cambiäda un cicinén. Abbiamo visto qualcosa in più. Ma Kocsis, che mi a ciàmm acsì parchè al pära l'ùltom di Mohicàn ha fatto grossi errori. E po al blìssga sémpor. L'à ànca zbaljè un gòll ch'l'era pu fàcil da fär che zbaljèrol. Par fortón'na l'è rivè al gòll dal ragasén. Però eravamo comunque lenti, titubanti. Da segnalare i soliti lanci lunghi di Castellini, sempre a caso: "e felice volavo".
E nel secondo?
Leon al s'è magnè un gòll bél-e fat. Però siamo stati inesistenti ancora per troppo tempo. Praticamente per tutto il tempo, a parte i minuti finali, quando il Brescia ha tirato un po' i remi in barca.
Pavarini?
Pavarini sempre un po' incerto nelle uscite, quando esce al fa gnìr la cagàja. Però è sicuro tra i pali. L'à fat cuàtor parädi strepitózi.
Un giudizio sulla difesa?
Acsì acsì. Paci al gh'à sémpor il psìghi in-t i pè. Troest, ciamé ànca Tost, l'è cmé 'l cavàl äd Ginginelo, tròp intrégh. Lucaréli picén non male, ma Guidolin lo fa giocare in un ruolo non suo. Cmé 's fa a fär zugär da playmaker un difensore puro? E po Castlén: al sòlit.
E il centrocampo?
L'assenza di Morrone si fa sentire. Budel inguardabile, Mariga corre, corre, ma è poco lucido nei passaggi.
Dell'attacco che cosa dici?
Vantaggiato nervoso, non in giornata. E poi si è fatto anche ammonire, dovrà saltare la prossima partita con il Modena. Paloschi, al ragasén, ha combatuto, ma al m'è mìga piasù. Io voglio un altro Paloschi. Lucaréli grand è entrato in campo a sette minuti dalla fine e con i tre del recupero ha giocato in tutto dieci minuti: non male. Ha cercato di tenere la palla, ha combattuto. Un rientro positivo, anche se breve.
Il migliore del Parma?
Pavarén, sicùr cme l'or. L'à salvè la partìda.
Il peggiore?
Ancòrra 'na vòlta Budel. Lént, mäi bón äd där vìa 'na bàla giùssta.
Un voto a Guidolin.
Diamogli sei, per il risultato positivo, il terzo consecutivo, 9 punti in tre partite. Ma mi sembra depresso, nervoso, e trasmette, secondo me, nervosismo e insicurezza ai giocatori.
E il pubblico?
Déz e lòda. Pubblico ammirevole, capace di incitare la squadra ànca cuànd la zùga mäl cme stasìra.
Pramzan45

Nessun commento: