O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 3 gennaio 2009

SE VOLETE IMPARARE IL DIALETTO...
Se volete imparare il dialetto o se volete semplicemente "ripassarlo", vi segnalo una buona occasione per farlo. "Sintonizzatevi" sul blog di "Parma in dialetto", dove il magico Enrico Maletti (nella foto) ha compiuto uno sforzo straordinario, che merita citazione su Pramzanblog: ha tradotto in dialetto riga per riga il messaggio di Sua Santità Benedetto XVI per la celebrazione della Giornata mondiale della pace. Come tema è poco parmigiano, per la verità (ed è per questo che il messaggio del Papa non lo potete leggere qui), ma è un documento veramente eccezionale per la divulgazione della nostra "lingua". Secondo me andrebbe letto nelle scuole parmigiane durante l'ora di religione. Leggere per credere. Bravo Maletti.

2 commenti:

Maganuco ha detto...

Secondo me dovrebbe aprire un forum per la discussione dei problemi della Città in dialetto.
Grazie per la mail della traduzione.

Pramzan45 ha detto...

Io credo che la collaborazione tra i siti "pramzàn" sia fondamentale per rinforzare lo spirito della parmigianità.