O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 20 gennaio 2009

Premiati con il "S.Ilario" i medici dei bambini

"PARMA NOSTRA": CHE CUORE
"Gli ultimi saranno i primi". A volte è proprio così. La premiazione del Sant'Ilario di Parma Nostra è avvenuta, come era stato annunciato, con una giustificatissima settimana di ritardo rispetto alla data tradizionale in cui si festeggia il Santo Patrono di Parma, però merita un dieci e lode per lo spirito di commossa partecipazione con cui è avvenuta. I premi quest'anno sono stati assegnati a due medici, al dottor Giancarlo Izzi, direttore del reparto di oncoematologia, e al professor Sergio Bernasconi, primario della Pediatria, che quotidianamente combattono una guerra difficile e impietosa: quel male sottile e tremendo che attenta alla salute di tanti bambini, di tanti piccoli innocenti. Una guerra silenziosa, lontano dai media. "Parma Nostra quest'anno", mi ha detto Renzo Oddi, il presidente dell'associazione "ha voluto sottolineare proprio questo impegno quotidiano e silenzioso, questa abnegazione a favore di tanti poveri bambini he soffrono. Così abbiamo rinunciato a cerimonie solenni, a spreco di tempo e di denaro. L'unico denaro di cui potevamo disporre è andato, con un assegno, al reparto di oncoematologia". Nella foto vediamo, da sinistra, il vicepresidente di "Parma Nostra", Giuseppe Mezzadri, il presidente Renzo Oddi, il dottor Giancarlo Izzi, il professor Sergio Bernasconi, Enrico Maletti, altro vicepresidente di "Parma Nostra" nonché "principe del dialetto", Vittorio Campanini e Camillo Mazza. Nel corso della semplicissima cerimonia, durante la quale ai due medici sono state consegnate due targhe e due straordinarie sculture, realizzate appositamente dallo scultore Maurizio Zaccardi, ha preso la parola il presidente Oddi, che ha posto l'accento sull'opera quotidiana e silenziosa di questi medici ed Enrico Maletti ha letto una poesia scritta per l'occasione da Vittorio Campanini . Eccola:
AL DOTÓR DI PUTÉN
L’é miga ‘n ospedäl, còll di putén:
i vàn la cuànd i stàn miga bén.
Cmé ‘d j àngiòj j’én ospitè,
e con tan amór i vénón tratè
Dotór Izzi, äd lù a’s sénta parlär:
con la sò scuädra, le bón äd fär.
Sé dil vòlti al gh’à miga la medzén’na:
a podèmma imaginär la sò pén’na!
Dotór, al so cór al gh’à da fär…
lu al né pól miga zbaljär…
I sò bej putén trancuìll i stàn,
parchè con lù j én in bon’ni màn.
Per chi in càmbra stérile l’à da stär,
lù cme un nì al gh’à vrù fär.
Tùtti il prevensjón l’à inventè,
parchè al pòsa girär in libartè.
Dotór, lu al putén al vól imitär,
e con lù gh’piäz ad spèss zugär.
Anca cuànd grànd al dvintarà,
al Dotór, mäj! mäj! al scordarà!

Nessun commento: