O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 28 gennaio 2009

Pramzanblog risponde a un lettore

PERCHÉ LA PARMA DIVENTA "VOLADÓRA"
Da un lettore ricevo e pubblico:
"Per cortesia, vorrei sapere il vero significato di "voladóra" che oltre a me serve ad altri strajè. Grazie infinite. Giuseppe Rozzi, Varano de' Melegari".

Gentile signor Rozzi,
la risposta alla sua domanda la conosco, ma ho preferito rivolgermi a uno dei tanti grandi esperti delle tradizioni parmigiane, Lorenzo Sartorio. Ecco la sua spiegazione:
"L'aggettivo è, innanzitutto, al femminile, perché nonostante si tratti di un torrente, si dice "La Parma" e non "Il Parma". "Voladora" perché, quando viene giù dai monti, sembra che "voli" verso il Po. Non c'è altra spiegazione: "voladora" perché deriva dal verbo volare".
(Nella foto: La "Pärma voladóra" del 20 gennaio scorso, dal sito on line di Parma.Repubblica)

Nessun commento: