O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 2 gennaio 2009

Le fotostorie

COME PIOVEVA SU GARIBALDI
Come pioveva quel 28 maggio 1893, 115 anni fa! Come pioveva in Piazza Grande diventata da otto giorni Piazza Garibaldi per onorare la memoria dell'"Eroe dei due mondi", scomparso 11 anni prima. Come pioveva durante l'inaugurazione del monumento a Garibaldi, opera dello scultore torinese Davide Calandra. Pioveva sui parmigiani che erano arrivati a frotte con ombrelli, bandiere e stendardi, pioveva, spegnendole, sulle polemiche che avevano accompagnato per anni l'erezione del monumento. Polemiche per la composizione stessa della statua, che secondo le prime intenzioni era stata preventivata di marmo e invece fu fusa in bronzo. Polemiche per la collocazione, prevista dall'Ufficio tecnico del Comune davanti al Teatro Reinach, nell'attuale Piazzale della Pace, assieme al Fontanone del Trianon e invece voluta fortissimamente dal Comitato promotore in Piazza Grande. Polemiche per il ritardo dell'inaugurazione, che era stata programmata in occasione del decennale della scomparsa di Garibaldi e che invece era slittata di un anno. Da allora Garibaldi non s'è più mosso da lì. A dispetto degli scavi compiuti per la realizzazione dell'Albergo Diurno Cobianchi e di quelli futuri (ma molti sperano ancora di no) per la realizzazione di una fermata della futura Metropolitana.

Nessun commento: