O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 13 gennaio 2009

Consegnati i Premi Sant'Ilario 2009

VIGNALI: "C'È LA CRISI, MA INSIEME POTREMO FARCELA"
Un sacco di gente in Municipio per la 22° edizione del Premio Sant'Ilario, ripresa in diretta da Tv Parma con i due inviati Francesco Silva e Giuseppe Milano. Dopo il benvenuto del presidente del Consiglio comunale, Elvio Ubaldi, ha preso la parola il sindaco, Pietro Vignali, che ha sottolineato il difficile momento di crisi che si sta attraversando. "Tutti insieme, voi e noi che governiamo la città, in questa fase critica abbiamo il dovere di dare un messaggio altamente positivo, un'esortazione a non cedere alle difficoltà, trovando anzi dentro di noi le forze per contrastarle e superarle". In un altro punto del suo discorso ha poi aggiunto: "Malgrado la crisi in atto, ritengo che Parma abbia le caratteristiche per diventare sempre più una città di grande qualità. Ma per riuscire in questo non dobbiamo abbassare la guardia. Di fronte alle difficoltà del momento, non dobbiamo fare l'errore di chiuderci in casa e di rinunciare a quei processi di miglioramento che sono decisivi. Dobbiamo rifiutarci di cedere alla logica della pura sopravvivenza o del puro galleggiamento. Perché già oggi tutti gli indicatori segnalano che il nostro è un sistema solido, ma sotto sforzo. Sotto sforzo sia dal punto di vista socio - demografico, sia dal punto di vista economico".Vignali ha anche fatto riferimento anche al grande fermento culturale che si è sviluppato nella nostra città. "Nel 2008", ha detto "abbiamo investito molto sulle nostre eccellenze tradizionali. Il Festival Verdi e il Correggio ci hanno dato ragione e ci hanno fatto toccare con mano le potenzialità che Parma ha come città turistica. I numeri ci dicono che abbiamo fatto bene a investire nel Festival, e se non lo avessimo fatto, altri avrebbero occupato questo spazio. Noi vogliamo proseguire su questa strada, e anzi ampliarla. Parma deve anche diventare una meta congressuale di prima grandezza. A questo proposito abbiamo definito con la Regione un piano d'area che ci consentirà di completare il Polo congressuale e di realizzare un nuovo contenitore culturale legato al food design".
Il sindaco ha anche annunciato le novità del 2009 in ambito ulturale. "Il 2009 senerà l'avvio della stagione dei 'grandi conteitori' e dei laboratori permanenti", ha detto. "Palazzo del Governatore, la Biblioteca Internazionale, il Caffè della Creatività, la nuova arena estiva del Teatro Due, il Teatro della cultura popolare che intitoleremo a Giovannino Guareschi e il Centro della Creatività Giovanile".
Prima di chiudere il suo discorso il sindaco Vignali ha fatto cenno anche al "caso Emmanuel". "Non lo nascondo", ha detto.
"Il caso di Emmanuel Bonsu mi ha profondamente sosso. Innanzitutto perché ha coinvolto un nostro giovane concittadino in un episodio davvero spiacevole. In secondo luogo perché ha rischiato di gettare discredito sulla nostra città, in cu l'integrazione è un fatto quotidiano, e poi perché ha rischiato di screditare l'Amministrazione nel suo impegno per la maggiore sicurezza dei cittadini". Dopo il discorso del sindaco si è proceduto alle premiazioni. Sono stati premiati, come annunciato, il medico e docente universitario Roberto Delsignore, il presidente della Federazione Italiana Rugby Giancarlo Dondi, l'Istituto de la Salle (rappresentato dal direttore dell'istituto, Fratel Mario Chiarapini), la presidente provinciale e vicepresidente nazionale dell'Anpi, Laura Polizzi detta "Mirka" e il cavaliere del lavoro Marco Rosi. Queste le motivazioni:
DELSIGNORE - Medaglia d’oro della Città di Parma a Roberto Delsignore, medico insigne e docente qualificato della nostra Università degli Studi. Con il suo instancabile lavoro ha accresciuto il prestigio della città nel campo della medicina e contribuito al buon nome dell’Ateneo, promuovendo l’istituzione di nuovi Corsi di laurea. La sua fama gli ha consentito la nomina in qualità di Esperto del Consiglio Superiore di Sanità.
DONDI - Medaglia d’oro della Città di Parma a Giancarlo Dondi, capace, attraverso l’amore che lo contraddistingue per il suo Paese e per lo sport che rappresenta, di portare il rugby italiano nell’élite europea. Ora, grazie alla sua attitudine e competenza, la pallaovale tricolore si batte con i colossi mondiali senza alcun timore di riverenza.
LA SALLE - Medaglia d’oro della Città di Parma all’ “Istituto La Salle” dei Fratelli delle Scuole Cristiane, che da oltre 170 anni assicura l’educazione a tanti giovani parmigiani ispirandosi ai valori cristiani. L’opera quotidiana dei “Fratelli delle Scuole Cristiane” nella nostra città si è inoltre rivolta ai carcerati e alle persone con disabilità, assicurando loro carità e conforto.
POLIZZI - Medaglia d’oro della Città di Parma a Laura Polizzi detta Mirka, partigiana combattente per la libertà. Durante la sua vita ha instancabilmente testimoniato, soprattutto nei confronti delle giovani generazioni, quei principi di tolleranza, libertà, giustizia, democrazia, in cui si riconosce la nostra convivenza civile e la Città di Parma, medaglia d’oro alla Resistenza.
ROSI - Medaglia d’oro della Città di Parma a Marco Rosi, imprenditore capace di esportare l’eccellenza, il buon gusto e la raffinatezza, qualità che contraddistinguono Parma, anche oltre i confini nazionali. Ne è testimonianza il recente riconoscimento assegnato dal presidente della Repubblica, per aver contribuito ad affermare l’immagine vincente del nostro Paese nel mondo.
Ecco invece le motivazioni per i sei "attestati di civica benemerenza":
ANFASS - Attestato di Civica Benemerenza alla associazione Anffas, che dal 1967 assicura con straordinario amore e costanza la tutela dei diritti e dei bisogni delle persone con disabilità. La sua infaticabile opera è un esempio e un aiuto per tutta la città.
BUCCI - Attestato di Civica Benemerenza a Paolo Bucci, esempio di come l’uomo può vincere anche la più dura fatica. Per le strade di tutto il mondo corre con i vessilli della città ducale, trasmettendo principi di tenacia e perseveranza a tutti i popoli.
FIGLI IN CIELO - Attestato di Civica Benemerenza alla associazione Figli in cielo, in riconoscimento dell’alto valore dell’opera di speranza e sostegno che con spirito volontario assicura a tutti coloro che hanno perso un figlio.
PARMA PER GLI ALTRI - Attestato di Civica benemerenza a Parma per gli altri, prima e unica organizzazione non governativa della città, che testimonia nel mondo la solidarietà che anima Parma nell’aiuto verso i Paesi in via di sviluppo.
UNIONE SPORTIVA AUDACE - Attestato di Civica Benemerenza all’Unione sportiva Audace, nel 59° anno della sua attività, in considerazione dell’importante significato aggregativo, sociale ed educativo che grazie alla disciplina sportiva a migliaia di giovani.
GIOVANNA VETTORI E PAOLO VOLTA - Attestato di Civica Benemerenza alla Famiglia Volta, quale esempio di altruismo e concreta solidarietà verso le comunità dei Paesi del Terzo mondo, ai quali i Volta hanno dedicato la loro vita nel nome della giustizia e dell’aiuto missionario.
(Le foto -
CLICCARE PER INGRANDIRE - /di Maria Giovanna Pattera e Massimiliano Ortalli ©, dall'alto: 1) Il sindaco Pietro Vignali durante il suo discorso; 2) Il salone consiliare del Comune /dalla diretta di Tv Parma/; 3) In sindaco in diretta Tv; 4) In prima fila, da sinistra, fratel mario Chiarapini, Roberto Delsignore e Marco Rosi; 5) Roberto Delsignore; 6) Fratel Mario Chiarapini ai microfoni di Tv Parma /dalla diretta di Tv Parma/; 7) Laura Polizzi detta "Mirka"; 8) Marco Rosi; 9) In prima fila, da sinistra, Roberto Delsignore, Giancarlo Dondi, Marco Rosi, 10) I coniugi Giovanna Vettori e Paolo Volta).

2 commenti:

Maganuco ha detto...

Quest'anno festeggia 50 anni di carriera Gino Paoli. Mancano nove anni al premio...

Ezio Ficarelli ha detto...

Si, al premio S. ILario ...