O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 31 dicembre 2008

RINALDI, UN COGNOME
DA PRESIDENTE



Sarà il destino di un nome, sarà un caso, sarà una curiosità da Guinness dei primati. Fatto sta che a Parma chiamarsi Rinaldi porta bene. O, meglio, porta a una presidenza. I tre signori che vediamo nella foto di
Anna Rita Melegari della "Gazzetta di Parma", per esempio, sono tre Rinaldi e tutti e tre hanno conquistato una "poltrona" da presidente. Da sinistra vediamo Claudio Rinaldi, redattore capo della "Gazzetta di Parma" e presidente dell'Academia Parmigiana della Pipa, poi Rossano Rinaldi, costruttore e presidente del Parma Baseball e infine, con barbetta alla D'Artagnan, Andrea Rinaldi, presidente della Corale Verdi.
Però non finisce qui... Il signore che vediamo ritratto nell'altra foto si chiama Raffaele Rinaldi ed è presidente pure lui: dell'Associazione culturale Istriomania, una Compagnia teatrale che ha sede in via Padre Lino. Quattro fratelli, o almeno quattro parenti? Neanche per idea. Soltanto omonimi. Tutti i Rinaldi di Parma ora sono avvertiti: il loro cognome porta bene.
(Nelle foto, dall'alto: 1) da sinistra Claudio, Rossano e Andrea Rinaldi; 2) Raffaele Rinaldi)

Nessun commento: