O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 25 dicembre 2008

Le fotostorie

SCAVANO PER LA "METRO"?
Tranquilli. Gli scavi per la fermata della futura Metropolitana (sempre se si farà) in Piazza Garibaldi, non sono già cominciati. Ma questa foto dà un'idea, parziale, di quello che potrebbe avvenire. Il buon Garibaldi potrebbe trovarsi "i piedi scoperti" per la seconda volta, come accadde già nel 1927 (l'anno di questa foto). Allora gli scavi che vediamo qui sopra servirono per consentire la costruzione del "grandioso albergo diurno" di un imprenditore bolognese, il commendator Cleopatro Cobianchi, che poi ospitò anche un locale da ballo, il "Ragno d'oro". L'albergo fu inaugurato nel 1929 e rimase in attività fino al 1965. Successivamente, nel 1973, i locali dell'ex Cobianchi divennero anche la sede della "Biblioteca Guanda". Nel 1927, proprio ai piedi del monumento, dieci metri sottoterra, si scoprì anche un mosaico romano. Quando cominceranno i lavori per la "Metro" non è da escludere qualche altra sorpresa, perché gli scavi saranno, presumibilmernte più profondi.

Nessun commento: