O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 11 dicembre 2008

EVVAI CON LA TRADIZIONE! È FRESCO DI STAMPA IL NUMERO NATALIZIO DEL "CORRIERE DI PARMA"

Si avvicina il Natale e, in ossequio alla tradizione, esce il numero speciale del “Corriere di Parma”, la storica rivista pubblicata dalla casa editrice Battei fin dal 1889. Presentazione ufficiale domani mattina, venerdì, alle 11, nelle nuove stanze al piano inferiore della libreria Battei di strada Cavour (In omaggio una copia della rivista a tutti i presenti). Un numero davvero straordinario, con una splendida copertina (e non è una novità, le cover del "Corriere di Parma" sono sempre una più bella dell'altra) che è aperto da Antonio Battei con un commosso ricordo di Baldassarre Molossi, lo storico direttore della Gazzetta di Parma, scomparso cinque anni fa. Seguono poi interviste esclusive al sindaco di Parma Pietro Vignali, al nuovo comandante della Guardia di Finanza Guido Mario Geremia e al comandante della Polizia Stradale Eugenio Amorosa, mentre il professor Nicola Occhiocupo, dell’Università di Parma, ha sottolineato in un articolo l’attualità della Costituzione Italiana a sessant’anni dall’entrata in vigore. Prezioso anche uno "Speciale" sul Correggio, che comprende un incontro con la sovrintendente Lucia Fornari Schianchi, un articolo della storica dell’arte Luisa Viola e uno del regista Luca Mazzieri sulle pale del Correggio di Dresda. C'è però anche il Parmigianino, con un servizio dedicato alla chiesa della Steccata, elevata a Basilica Magistrale. Torniamo poi ai nostri tempi per ripercorrere la vicenda umana e artistica di Remo Gaibazzi e conoscere l’opera del pittore Luigi Pastori. Ampio anche lo spazio dedicato ai nostri tesori architettonici, con gli approfondimenti sullo splendido Teatro Farnese e la chiesa di Santa Elisabetta, ora restaurata e divenuta sede del nuovo Museo del Suono. Ricca e interessante la pagina degli anniversari: Gustavo Marchesi, nella ricorrenza del 150° della nascita di Giacomo Puccini, ricorda il legame tra Parma e il compositore, mentre si richiama la storia del grande fisico parmigiano “che voleva cambiare il mondo”, Macedonio Melloni; infine, la straordinaria avventura di Enzo Ferrari.La rivista riserva poi una gradita sorpresa per tutti gli amanti della pipa e dell’artigianato: uno speciale servizio, a firma del giornalista e redattore capo della Gazzetta Claudio Rinaldi, sulle bellissime pipe in radica di Corrado Frignani. L’eccezionale suggestivo servizio fotografico sulle vette innevate del nostro Appennino apre la sezione riservata alla Provincia, con un articolo sulla storia dei 200 anni della Cisa, firmato dal presidente dell’Associazione Strada della Cisa, Luigi Lucchi, un altro sulle attività e i piatti tipici offerti dall’Agriturismo Al Boccolo, e un altro ancora sui capolavori d’arte racchiusi nella Rocca Meli Lupi di Soragna. E per finire, per l’angolo della gastronomia, notizie e curiosità infinite sul parmigiano-reggiano.
(Le foto, dall'alto: 1) La bellissima copertina del numero natalizio del "Corriere di Parma"; 2) Antonio Battei, editore e direttore del "Corriere di parma"; 3) Una suggestiva immagine serale della storica libreria in strada Cavour /foto Carra ©/)

Nessun commento: